“CICLISTI ILLUMINATI” CON GIUBBINI RIFRANGENTI.
DA LUNEDI’ 27 SETTEMBRE, OBBLIGO DI SERA FUORI CITTA’ E NELLE GALLERIE,
INCLUSE QUELLE URBANE. MA NESSUNO LO SA
APPELLO DELLA FIAB AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE E ALLE FORZE DELL’ORDINE
A partire da lunedì prossimo, 27 settembre 2010, scatta l’obbligo per i
ciclisti di indossare giubbino o bretelle catarifrangenti quando
circolano nelle ore serali fuori dai centri abitati, quindi solo in
ambito extra-urbano, e in tutte le gallerie dove sia loro consentito il
transito, anche quando queste si trovino in città.
Tale norma scatta 60 gg dopo l’entrata in vigore della legge 120/2010
del 29 luglio scorso che ha modificato il codice della strada (D.L. n.
285 del 1992).

Questa disposizione non è stata adeguatamente e correttamente
pubblicizzata attraverso i grandi organi di informazione e la FIAB, a
contatto quotidianamente con chi utilizza ogni giorno la bicicletta per
muoversi abitualmente, si è resa conto che la stragrande maggioranza non
ne è a conoscenza.
Pertanto la Federazione Italiana Amici della Bicicletta chiede:
1) agli organi di stampa di darne ampia notizia, in maniera chiara e
diffusa affinchè tutti ne siano a conoscenza;
2) alle Polizie Municipali e Polizia Stradale di evitare – almeno nei
primi tempi – di sanzionare i ciclisti inconsapevoli e di fare invece
opera di informazione. Anche se è pur vero che la legge non ammette
ignoranza.
Da parte sua la FIAB, che già dall’inizio del 2010 ha messo a
disposizione dei propri soci attraverso le proprie associazioni federate
(120 in tutta Italia) un giubbino catarifrangente, e che ha già attivato
la campagna “il ciclista illuminato”, sollecita tutti i
ciclisti che circolano nelle ore serali di essere dotati di impianto di
illuminazione funzionante e catarifrangenti, e di indossare sempre – per
motivi di sicurezza – il giubbino anche in ambito urbano, pur non
essendo obbligatorio.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.